Lettonia Riga, Lettonia, Guida ufficiale di Riga con informazioni inerenti l'ambasciata italiana a Riga, clima, meteo, ragazze, hotel, appartamenti, viaggi, turismo, voli, museiLettonia

Nazionali femminili 2018: l’Italbasket U18 batte la Serbia e domenica 12 agosto giocherà per il 9° posto con la Croazia agli Europei di Udine

Per l’Italbasket U18M un ruggito nel tardo pomeriggio odierno che può far dimenticare, non cancellare, la brutta gara di ieri anche se vinta vs la Bosnia, nel mini girone dal 9°-16° posto dell’Europeo in corso di svolgimento in Lettonia.

Una seconda vittoria consecutiva dunque per l’Italbasket U18M di Andrea Capobianco, che ha battuto la Turchia 79-69 nella semifinale del girone che assegna i piazzamenti dal nono al dodicesimo posto. E domani, domenica 5 agosto,

 tornerà in campo domani per l’ultimo impegno contro la Spagna, che ha avuto la meglio vs la Croazia (palla a due alle ore 17.30), in palio dunque ci sarà il nono posto. 

Oggi finalmente la partenza dell’Italbasket U18M è stata decisa, concentrata e con la faccia giusta, chiudendo il primo quarto sul +11 (25-14) con grande autorità.

Com’era prevedibile, nel secondo periodo la Turchia è tornata lentamente in partita per portarsi sul 43-37. Nel terzo periodo la Turchia ha difeso meglio mentre l’Italbasket U18M ha messo nel proprio motore più gioco e, stringendo i denti, ha mantenuto la testa avanti chiudendo 56-58.

Ma all’inizio dell’ultimo parziale, l’Italbasket U18M  è arrivata la nuova e definitiva accelerazione degli Azzurri (tripla di Grant per il 68-55 al 35’): da quel momento la squadra di Andrea Capobianco ha amministrato la partita senza problemi.

Ottima prova di collettivo, finalmente, è la prova sono come sempre i numerio: ad modello il miglior marcatore Azzurro è stato Erik Czumbel con 17 punti, che dopo la buona prova all’esordio vs la Grecia, aveva brillato per poi quasi sparire dal campo. Poi il solito Mattia Palumbo a quota 14 ed un “Omarone” Dieng a 13 che ha regalato una prova globalmente molto positiva, al punto da risultare il più decisivo in campo per l’Italbasket U18M. A “soli” 10 punti infine Federico “Fury” Miaschi, quindi un equilibrio molto più marcato, una distribuzione più equa dell’attacco e la vittoria è arrivata. Da notare qualche minuto in campo anche per lo sfortunato Matteo Laganà, impedito sin dall’esordio per un malanno muscolare.

Ora sarebbe importante non fermarsi cercando di battere la Spagna, chiudere 9° o 10° a questo punto non è basilare ma può essere d’impatto per il morale di una squadra che ha molto da rimproverarsi, purtroppo.