Lettonia Riga, Lettonia, Guida ufficiale di Riga con informazioni inerenti l'ambasciata italiana a Riga, clima, meteo, ragazze, hotel, appartamenti, viaggi, turismo, voli, museiLettonia

Putin sfida la Nato: navi russe a poche miglia dalla Lettonia

Tre navi da guerra russe fortemente armate hanno nuovamente sfidato la Nato navigando vicino al piccolo Stato Baltico della Lettonia. I funzionari militari della capitale lettone Riga hanno detto che le corvette – Liven 551, Serpukhov 603 e Morshansk 824 – sono state individuate a solo quattro miglia nautiche dalle acque territoriali dello stato. Si tratta solo dell’ultima di una serie di mosse delle forze navali di Vladimir Putin nei confronti del piccolo stato baltico, membro dell’Ue e della Nato. La mossa di Putin sarebbe collegata all’arrivo nel Mar Baltico della nave da guerra americana, USS Carney, con missili cruise a bordo, previsto per oggi.

Le tre navi russe avrebbero dovuto essere schierate a San Pietroburgo in vista della commemorazione annuale del Giorno della vittoria, che si celebra il 9 maggio. Una fonte russa ha confermato ad alcune agenzie di stampa che la parata navale di San Pietroburgo si terrà e che parteciperanno meno navi, ma ha comunque negato che la partenza improvvisa delle corvette sia in qualche modo legata con l’arrivo di USS Carney. Non è la prima volta che la Russia si avvicina alla Lettonia: alla fine di aprile, un sottomarino russo di classe Kilo è stato rilevato vicino alle acque territoriali lettoni, qualche giorno fa è avvenuto con delle navi militari. Nel 2016, da quanto si apprende, aerei militari russi e navi navali furono osservati vicino al confine con la Lettonia circa 209 volte.

Di attuale, i soldati della Marina reale britannica hanno messo in guardia le navi da guerra russe mentre si avvicinavano alle coste inglesi per la terza volta in soli sei mesi. La prima volta, lo scorso ottobre, quando otto vascelli russi guidati da una portaerei si erano diretti verso i Mari del Nord, “marcati a uomo” da navi da guerra della Royal Navy inglese, come confermato dal ministero della Difesa britannico.