Lettonia Riga, Lettonia, Guida ufficiale di Riga con informazioni inerenti l'ambasciata italiana a Riga, clima, meteo, ragazze, hotel, appartamenti, viaggi, turismo, voli, museiLettonia

Cento anni di indipendenza della Lettonia, la mostra 'La via dell’ambra' in Consiglio regionale

Dal 23 ottobre al 12 novembre 2020 il Palazzo del Pegaso (Vetrina Expo Comuni) ospita l’esposizione “La Via dell’Ambra. Reloading” di due artiste di origine lettone, Lolita Timofeeva e Valentinaki, residenti in Italia ormai da diversi anni. Entrambe scorgono nell’antica rotta marittima che congiungeva il Mar Baltico al Mar Mediterraneo, nota come Via dell’Ambra, un’immagine che esprime in modo compiuto il proprio tragitto biografico, artistico e umano. Le due artiste tracciano un cammino in cui memoria identitaria e coscienza collettiva si fondono a questioni di spiccata attualità, come l’inquinamento o la attuale emergenza sanitaria.

L’esposizione, patrocinata dal Consiglio regionale della Toscana e dall’Ambasciata della Lettonia in Italia, è a cura di Mattia Lapperier ed è organizzata dall’associazione Kengarags, in collaborazione con l’associazione lettone in Italia e Svizzera italiana ALISI. L’evento espositivo si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per i 100 anni d’indipendenza della Repubblica di Lettonia e cade nel ventennale di gemellaggio tra Firenze e Riga, attuato nel 2000 proprio da Eugenio Giani, il neoeletto Presidente della Regione Toscana, che inaugurerà la mostra alla presenza dell’Ambasciatore di Lettonia in Italia Solvita Āboltiņa il 22 ottobre alle ore 17.00.

Gemma irrequieta, del colore del sole, dalle tipiche striature dorate, l’ambra è in grado di custodire al suo intimo ossigeno, microrganismi, piccole piante o insetti. In altre parole, racchiude in sé minuscoli frammenti di un mondo passato e ormai perduto. È proprio un’acuta riflessione su tale specificità intrinseca a ispirare la attuale attività delle due artiste. Lolita Timofeeva e Valentinaki individuano nell’ambra il mezzo più efficace attraverso cui conservare un ricordo. L’una affronta la tematica dal punto di vista del retaggio identitario e dunque del passato, l’altra si interroga sulla delicata questione della salvaguardia dell’ambiente, manifestando così una certa apprensione per il nostro futuro.

Orario di apertura lunedì-domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.00. Ingresso gratuito.