Lettonia Riga, Lettonia, Guida ufficiale di Riga con informazioni inerenti l'ambasciata italiana a Riga, clima, meteo, ragazze, hotel, appartamenti, viaggi, turismo, voli, museiLettonia
Lettonia > Forum Russia-Italia > Italiani all'estero > Vivere e lavorare all'estero

Possibilità di work experience in Russia

RSS
Autore
Giorno e Ora
Messaggio Operazioni
Daniel Paviotti
male
danpav2881@gmail.com
Danpav2881

Ciao a tutti,

Su questo forum sono nuovo in scrittura ma non in lettura. Vi ho già carpito parecchie informazioni in passato :D
A seguito di alcune mie considerazioni vorrei provere a vivere un'esperienza in Russia. Non posso chiaramente pensare di trasferirmi in uno stato senza farmi una minima idea di quali possono essere le possobilità di lavoro. Senza un lavoro penso che sia impossibile trasferirsi in modo semi-stabile là, immagino. Per quanto riguarda me, sono un trentenne laureato in ingegneria elettronica, esperienza in reti informatiche, centro elaborazione dati, analisi di sistemi e procedure più altro.
Sapreste indicarmi qualche sito di riferimento per la ricerca di lavoro o work experiences in Russia?
Al momento sono una schiappa totale in Russo ma sto studiando.

Per il momento mi sto leggendo il blog di Rugo, da quanto ho capito la sua esperienza dovrebbe essere simile a quanto voglio fare io.

Grazie mille.
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

Io la girerei diversamente, ecco alcune domanda a cui tutti possono dare una risposta:

C'è qualcuno che è mai stato assunto in Russia?
C'è qualcuno che ha ottenuto il visto di lavoro?
C'è qualcuno che abbia in qualche modo ottenuto il permesso di soggiorno?
C'è qualcuno che è riuscito a non farsi fregare in Russia?

La risposta a tutte queste domande è: "NO". Chiaramente noi come gruppo di russofili, vorremmo che fosse diverso, che realmente questa amicizia tra Italia e Russia si compia.
Giovannone Giovannone
notdefinite
barabba.furlan@email.it
Giovannone1

A proposito, ho visto il visto del mio amico che vive e lavora stabilmente a Mosca, premetto che è un manager di un'azienda italiana.
Sul visto che è di 3 anni c'è scitto "робота" quindi presumo che equivalga ad il permesso di soggiorno. Certamente si tratta di un caso particolare, visto che essere responsabili di un'attività di levello non capita a tutti. Ioltre usufruisce di un sistema di tasse agevolato, tanto per capirci non paga il 43% di aliquota come succederebbe ad un lavoratore con stipendio italiano.
Ultimamente noto delle differenze con il passato, l'invasione dei russi delle scorsa estate (probabilmente visti + facili), l'estensione del tempo per registrarsi in territorio russo (ora portata a 7 giorni lavorativi) e questi visti di lavoro che probabilmente prima non esistevano
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

I visti di lavoro non esistono se non su raccomandazione (istituzionali). Anche i visti pluri annuali sono soggetti al limite dei 90 giorni come da paragrafo 4 del seguente accordo: http://vistirussia.com/?p=21&a=48&t=rilasciodivist... a dire il vero, l'accordo non dice che vi siano visti che permettano di permanere più di '90 giorni, in Russia feci anche una indagine su questo.
Come si evince dall'accordo, nemmeno i giornalisti possono rimanere per più di '90 giorni! E persino i preti ai quali venne consigliato loro di sposarsi!
Su migliaia di iscritti al forum, non è mai capitato nessuno che avesse un permesso di soggiorno o visti di lavoro, eccetto qualche segnalazione per interposta persona, come la tua.

Personalmente, una decina di anni fa mi iscrissi anche come residente (nel mio appartamento a San Pietroburgo) in comune e portai la residenza all'OVIR, ma ciò non mi diede alcun titolo o facilitazione, nemmeno per ottenere il visto!

Nella mia esperienza ho conosciuto uno solo di italiano che aveva ottenuto il permesso di soggiorno, lo ottenne in Ossezia dove lavorava per un pezzo grosso. Però posso anche dire che ad un controllo serio a Mosca effettuato dall'Иммиграционная служба gli portarono via il passaporto e a breve gli comunicarono che chi gli aveva rilasciato quel permesso era già in prigione.
Daniel Paviotti
male
danpav2881@gmail.com
Danpav2881

Ok, cerco di spiegare meglio quello che voglio chiedervi:

Se ho capito bene, ho letto che alcuni di voi vivono stabilmente in questo affascinante Paese. Come avete fatto a trasferirvi? Quali sono stati gli step che vi hanno permesso di farlo?

Webmaster, capisco chiaramente il tuo stato d'animo e probabilmente pure i motivi che ti spingono a cercare di disilludere chi ti fa domande come la mia. Queste risposte però non mi aiutano, ho ben presente che il muro che voglio andare a scalare è parecchio liscio ed alto.
Mario Angelok
male
angioletto2@yandex.ru
Angelok112

Danpav2881:
Ok, cerco di spiegare meglio quello che voglio chiedervi:

Se ho capito bene, ho letto che alcuni di voi vivono stabilmente in questo affascinante Paese. Come avete fatto a trasferirvi? Quali sono stati gli step che vi hanno permesso di farlo?

Webmaster, capisco chiaramente il tuo stato d'animo e probabilmente pure i motivi che ti spingono a cercare di disilludere chi ti fa domande come la mia. Queste risposte però non mi aiutano, ho ben presente che il muro che voglio andare a scalare è parecchio liscio ed alto.

Telefona qui, se stai cercando un lavoro a Mosca, non aspettano altro che uno come te, determinato e volenteroso.smile_nerd
Ma lo sai il russo???

Qui cercano per un lavoro a Mosca. Ambiente dinamico e stimolante.

http://www.centralclub.ru/home/frame.php

Андрей, по вопросу трудоустройства на должность ТРАВЕСТИ
Кастинг каждую среду в 19.00 по адресу клуба
тел. +7 926 230 7762, с 12:00 до 00:00, e-mail: kalosha8586list.ru
Guido Eugenio
male
jenkaitalii@hotmail.com
Theo

Danpav2881:
..Al momento sono una schiappa totale in Russo..

smile_nerd Ribaltiamo un attimo la situazione e mettiamo che tu sia un imprenditore o professionista, magari anche laureato e di buona famiglia, e che hai bisogno di nuovo personale per il tuo "bel" lavoro.. Tra i tanti candidati: Chi munito di biglietto da visita, slanciato, elegante e molto preparato per quel settore; chi con un paio di lauree; chi di ottima presenza e con un curriculum perfetto; qualcuno super raccomandato e via discorrendo.. Tra tutti questi se ne presenta anche uno che, invece, veste da pidocchioso, puzza di un odore mai sentito prima (i russi non usano profumo e pertanto chi lo indossa puzza), sembra proprio un "marocchino" ed inoltre parla che non si capisce "na sega", cioè blatera una lingua tutta sua e che definirei "afrocalabromarocchina", ossia un itaGliano storpiato.. Tra i tanti "pregi" di codesto aspirante lavoratore noti, tra l'altro, che gira la testa per ogni ragazza che passa ed a prescindere che sia o non una strafiga; anzi proprio vedi che è attratto per quelle più con l'aria, per il tuo metro da russo, da bagascia.. Ebbene gli offriresti l'impiego oppure la risposta sarebbe "le faremo sapere", molto utile in questi casi?

Ecco, il quadro che ho fatto è esattamente quello di come si presenta qualsiasi italiano in Russia.

Vuoi un consiglio? Cambia mestiere e mettiti in proprio, vieni a San Pietroburgo a fare due lavori: L'insegnante di "itaGliano" e servizi per turisti italiani (visa support, appartamenti, prenotazioni alberghiere e ristoranti, ecc.).. Basta spendere una ciocca di carnevale per un sitarello con tante "cazzate" per attirare i malaugurati turisti "fai da te" ed il gioco è fatto.
Daniel Paviotti
male
danpav2881@gmail.com
Danpav2881

@Angelok112: No, per ora il Russo non lo so, me lo sto studiando e mi sto procurando contatti con persone che sono qua il loco per esercitarmi nella conversazione e comprensione (in realtà li ho messi io in stand-by perchè penso che inizialmente sia necessario prepararsi sui libri). Una volta progredito ho già dei madrelingua che mi possono aiutare a completare l'apprendimento. Non so se sarò in grado di completare il percorso che mi sono prefisso ma di certo ho un'ottima motivazione.

Vedo che l'abitudine del forum viene confermata :D Theo già lo conoscevo ora so che esiste anche Angelok112. Per quanto mi riguarda non ho nessuna intenzione di comportarmi da "Italiano" quando sono all'estero (di solito vengo definito abbastanza un camaleonte) pertanto credo che non seguirò i vostri consigli che dopo una lunga riflessione avete molto ben congegnato. Ora vediamo se oltre a agli abituè ci sono anche persone che realmente vogliono comunicare oppure no.

Grazie mille per le rapide risposte.

Спасибо и до свидания
Giovannone Giovannone
notdefinite
barabba.furlan@email.it
Giovannone1

Webmaster:
I visti di lavoro non esistono se non su raccomandazione (istituzionali). Anche i visti pluri annuali sono soggetti al limite dei 90 giorni come da paragrafo 4 del seguente accordo: http://vistirussia.com/?p=21&a=48&t=rilasciodivist... a dire il vero, l'accordo non dice che vi siano visti che permettano di permanere più di '90 giorni, in Russia feci anche una indagine su questo.
Come si evince dall'accordo, nemmeno i giornalisti possono rimanere per più di '90 giorni! E persino i preti ai quali venne consigliato loro di sposarsi!
Su migliaia di iscritti al forum, non è mai capitato nessuno che avesse un permesso di soggiorno o visti di lavoro, eccetto qualche segnalazione per interposta persona, come la tua.

Personalmente, una decina di anni fa mi iscrissi anche come residente (nel mio appartamento a San Pietroburgo) in comune e portai la residenza all'OVIR, ma ciò non mi diede alcun titolo o facilitazione, nemmeno per ottenere il visto!

Nella mia esperienza ho conosciuto uno solo di italiano che aveva ottenuto il permesso di soggiorno, lo ottenne in Ossezia dove lavorava per un pezzo grosso. Però posso anche dire che ad un controllo serio a Mosca effettuato dall'Иммиграционная служба gli portarono via il passaporto e a breve gli comunicarono che chi gli aveva rilasciato quel permesso era già in prigione.

Web ciò che scrivo è reale, non ha limitazione di 90 giorni, ha un visto di 3 anni su cui c'è scritto Rabota, vive a Mosca stablmente da mesi ed è rientrato solo per le vacanze natalizie. Non c'è ragione per non credermi, questa è la realtà. Probabilmente le cose sono cambiate negli ultii priodi, lui stesso me ne ha parlato di questi cambiamenti avvenuti un anno fa circa, cmq anche un altro ragazzo di Verona vive stabilmente in Russia da 3 anni lavorando per un'azienda italiana.
Cmq se la cosa risulta "impossibile" o inconcepibile io mi fido di quello che ho visto con i miei occhi, è possibile vivere là con un permesso di 365gg ma prob i modi per ottenerlo non sono così semplici e forse riguardano figure professionali (prob manager che danno a loro volta lavoro ai russi, lui ha assunto del personale).
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

Se lui ha un visto, ed è italiano, ha la limitazione di 90 giorni (anche se non è scritto), lo so perché quel visto lo avevo anche io quando ero titolare della società in Russia che organizzava gli eventi per la Regione Lombardia.

Allora, la regola è questa (a norma di legge, cito articoli): Il limite di permanenza di massimo 90 giorni per legge è riservato solo a chi non soggetto al visto (articolo 5 della legge federale russa n.115 datata 25/7/2), in pratica chi può arrivare in Russia senza visto deve uscire entro 90 giorni.

Dal 2007 il limite dei 90 giorni, è stato messo anche per chi soggetto al visto, non è una legge federale, ma l'accordo fatto all'epoca da Frattini e ratificato dalla federazione russa.

Quel visto li di lavoro è un visto che ottengono i dipendenti di grosse aziende come impiegati altamente specializzati non possibili reperire sul posto, in genere sono tecnici manutentori, o addetti con mansioni altamente qualificate, come per esempio installatori di impianti, consulenti, ecc.. E' possibile ottenere un visto valido fino a 5 anni ma se per chiamata al lavoro («работа по найму») è difficilissimo farselo dare multiplo e per più di 90 giorni, tuttavia non è equiparabile al permesso di soggiorno temporaneo, e anche per questa categoria è in vigore il limite massimo di 90 giorni di permanenza (e non è per sentito dire, sono in contatto con tutta la comunità italiana in Russia che ha questo problema, e a quanto pare l'unico titolo che permetta una permanenza continuativa è il РВП (Разрешение на временное проживание ovveri il permesso temporaneo), quindi una volta in loco con un visto di lunga durata, va obbligatoriamente convertito (la procedura impiega 11 mesi e sembra impossibile da espletare se non si è sposati con un cittadino russo, anche se si hanno parenti in Russia di primo grado).
L’unica cosa che è cambiata nell'ultimo anno, è che non controllano e chiudono un occhio, ma hanno sempre il colpo in canna e se vogliono non hanno nemmeno il bisogno di inventarsi un pretesto perché se sei li già sei in fallo, anche ipoteticamente se stai studiando all'università.. devi comunque riuscire ad ottenere il РВП, e come detto sopra l'unico che conosco e lo ha preso (è un timbro gigante nel passaporto), al primo controllo glielo hanno revocato e hanno arrestato chi lo ha rilasciato.
Se si vuole rimanere per più di 90 giorni, occorre obbligatoriamente andare al ФМС (ufficio migrazione), e farsi rilasciare un titolo valido per il soggiorno regolare che sia differente dal visto.
Comunque sia visti di lavoro con durata superiori a 3 mesi, sono di dubbia regolarità dato che la prassi non li prevede. Poi è chiaro che imprese immanicate riescono anche a far avere il passaporto russo ai propri dirigenti, ma noi dobbiamo essere realisti.
Oleg Capovani
male
oleg_guitar@fastwebnet.it
Olegsvjatoslav

Aggiungo la mia voce al tema, che è delicato e importante.
Per permanere nella Federazione oltre i limiti dei 90 ogni 180 vi sono le seguenti strade:
- sposarsi
- ottenere un visto studio
- ottenere un visto di lavoro
- compiere un investimento

Concentriamoci sulla terza e quarta variante:
per ottenere un visto di lavoro il datore di lavoro, titolare di un'attività che ha facoltà di invitare cittadino straniero (senza di questo non si parte neanche) deve recarsi all'UFMS con una pila di documenti e la proposta di contratto di lavoro controfirmata dalla persona da assumere, e svolgere le pratiche per l'invito, sperando che la richiesta venga accolta e rientri nelle quote annue.
Evidente che se si presenta l'ENI o simili all'ufficio non stanno a fare tante domande anzi la pratica va bella svelta.
Purtroppo non tutti sono dipendenti di una multinazionale.
Di persone invitate da una società di medie dimensioni non ne ho mai sentito parlare.
Alcune scuole di lingue, le più serie, emettono inviti.
Per non essere dipendenti dalle quote, si può fare il percorso preferenziale di "professionista con alta qualifica professionale", dimostrando le proprie qualifiche e attendendo la pubblicazione nell'albo del ministero.

Per quanto riguarda la quarta variante, è un tema fantomatico, poichè nel paragrafo della legge non vi sono alcune specifiche!

Correggetemi se sbaglio, o integrate ciò che ho scritto, anche perchè le leggi in Russia cambiano ogni anno.
Gino Pilota
male
calzo_it@yahoo.it
Dominedio

Webmaster:
Se lui ha un visto, ed è italiano, ha la limitazione di 90 giorni (anche se non è scritto), lo so perché quel visto lo avevo anche io quando ero titolare della società in Russia che organizzava gli eventi per la Regione Lombardia.

Allora, la regola è questa (a norma di legge, cito articoli): Il limite di permanenza di massimo 90 giorni per legge è riservato solo a chi non soggetto al visto (articolo 5 della legge federale russa n.115 datata 25/7/2), in pratica chi può arrivare in Russia senza visto deve uscire entro 90 giorni.

Dal 2007 il limite dei 90 giorni, è stato messo anche per chi soggetto al visto, non è una legge federale, ma l'accordo fatto all'epoca da Frattini e ratificato dalla federazione russa.

Quel visto li di lavoro è un visto che ottengono i dipendenti di grosse aziende come impiegati altamente specializzati non possibili reperire sul posto, in genere sono tecnici manutentori, o addetti con mansioni altamente qualificate, come per esempio installatori di impianti, consulenti, ecc.. E' possibile ottenere un visto valido fino a 5 anni ma se per chiamata al lavoro («работа по найму») è difficilissimo farselo dare multiplo e per più di 90 giorni, tuttavia non è equiparabile al permesso di soggiorno temporaneo, e anche per questa categoria è in vigore il limite massimo di 90 giorni di permanenza (e non è per sentito dire, sono in contatto con tutta la comunità italiana in Russia che ha questo problema, e a quanto pare l'unico titolo che permetta una permanenza continuativa è il РВП (Разрешение на временное проживание ovveri il permesso temporaneo), quindi una volta in loco con un visto di lunga durata, va obbligatoriamente convertito (la procedura impiega 11 mesi e sembra impossibile da espletare se non si è sposati con un cittadino russo, anche se si hanno parenti in Russia di primo grado).
L’unica cosa che è cambiata nell'ultimo anno, è che non controllano e chiudono un occhio, ma hanno sempre il colpo in canna e se vogliono non hanno nemmeno il bisogno di inventarsi un pretesto perché se sei li già sei in fallo, anche ipoteticamente se stai studiando all'università.. devi comunque riuscire ad ottenere il РВП, e come detto sopra l'unico che conosco e lo ha preso (è un timbro gigante nel passaporto), al primo controllo glielo hanno revocato e hanno arrestato chi lo ha rilasciato.
Se si vuole rimanere per più di 90 giorni, occorre obbligatoriamente andare al ФМС (ufficio migrazione), e farsi rilasciare un titolo valido per il soggiorno regolare che sia differente dal visto.
Comunque sia visti di lavoro con durata superiori a 3 mesi, sono di dubbia regolarità dato che la prassi non li prevede. Poi è chiaro che imprese immanicate riescono anche a far avere il passaporto russo ai propri dirigenti, ma noi dobbiamo essere realisti.

conosco bene il problema,i visti per i dipendenti specializzati sono molto rari.
Conosco uno che si e' preso anche la cittadinanza russa, ma li ha fregati, e' entrato in russia con il suo secondo passaporto, tutte le volte, che usciva, usciva tramite l'ucraina, cambiando passaporto e dopo 10 anni ha ottenuto il passaporto russo( da notare che in questi casi il beneficio per la legge internazionale e' notevole, infatti in caso di matrimonio, se lei non ha ancora la nazionalita' italiana, se vi trovate in italia, o se vivete in un paese terzo, per la legge internazionale, bisogna applicare automaticamente la legge della nazionalita' comune dei due sposi: quella russa: , e l'unico caso in cui risulta svantaggio e'lei che ha la cittadinanza italiana ).
Onir Gellep
male
konyxx@yahoo.it
Onirgellep

Danpav2881:
@Angelok112: No, per ora il Russo non lo so, me lo sto studiando e mi sto procurando contatti con persone che sono qua il loco per esercitarmi nella conversazione e comprensione (in realtà li ho messi io in stand-by perchè penso che inizialmente sia necessario prepararsi sui libri). Una volta progredito ho già dei madrelingua che mi possono aiutare a completare l'apprendimento. Non so se sarò in grado di completare il percorso che mi sono prefisso ma di certo ho un'ottima motivazione.

Vedo che l'abitudine del forum viene confermata :D Theo già lo conoscevo ora so che esiste anche Angelok112. Per quanto mi riguarda non ho nessuna intenzione di comportarmi da "Italiano" quando sono all'estero (di solito vengo definito abbastanza un camaleonte) pertanto credo che non seguirò i vostri consigli che dopo una lunga riflessione avete molto ben congegnato. Ora vediamo se oltre a agli abituè ci sono anche persone che realmente vogliono comunicare oppure no.

Grazie mille per le rapide risposte.

Спасибо и до свидания

Ciao Danpav2881,

io sono nuovissimo del forum pero' nutro come te grandi speranze in una vita all'est.
Secondo me le possibilita' sono innumerevoli e il paese e' in forte crescita. Intanto ti giro questo link dove ogni tanto c'e' qualche offerta interessante:

http://www.ccir.it/wp/?page_id=3219

Dovrebbero essere affidabili ma meglio chiedere un'opinione anche al Webmaster...tempo fa c'era anche un annuncio per un ingegnere elettronico disposto a trasferirsi ad Ekaterinburg.

Da che citta' scrivi? Che idea ti sei fatto delle possibilita' in Russia o nelle repubbliche dell'ex unione sovietica?

Sicuramente gli altri del forum hanno un'esperienza di gran lunga maggiore della mia e dalla quale si possono acquisire tante utili informazioni, pero' (forse dovuto proprio alla loro esperienza) non sono molto entusiasti delle possibilita' lavorative li.
A me e' sembrato che la tecnologia in questi paesi emergenti venga molto meglio recepita che non da noi in Italia forse perche' non avevano molto in passato e adesso devono allinearsi con il resto del mondo.
A questo proposito infatti esiste RuNet che e' in qualche modo il loro circuito internet.
Avendo un bacino d'utenza sufficientemente esteso hanno replicato con successo molte community ma in lingua strettamente russa.

http://vkontakte.ru/ (come facebook, tempo fa stavano intorno ai 100 milioni di utenti ora immagino siano aumentati)
http://www.yandex.ru (viene utilizzato per circa l'85% delle ricerche in russo, google si attesta intorno al 5-7%)
http://www.rutube.ru (come youtube ma in russo)
http://www.odnoklassniki.ru/ (circa 50 milioni di utenti focalizzato sulle amicizie scolastiche)

Con google chrome puoi far tradurre immediatamente quello che navighi e capire un minimo di cosa si tratta

Ti mando anche questo link magari trovi una posizione che fa per te:

http://company.yandex.ru/job/vacancies/

Spero di averti dato qualche informazione e un po' di quell'entusiasmo indispensabile per chi si appresta a cambiare la propria vita...

Ciao
Daniel Paviotti
male
danpav2881@gmail.com
Danpav2881

Grazie mille a tutti per le informazioni che mi state passando e, se volete, mi continuerete a passare.

Prendo spunto da quanto mi avete detto e continuo ad informarmi.

@Onirgellep: Sono un polentone :D:D:D, sono del nord-est. La sensazione (chiaramente è solo una sensazione) che ho in merito alle possibilità nella Federazione Russa (ma anche in altri paesi che ho frequentato) è che ci sia più spazio per gli under 40. In Italia francamente non noto questa possibilità.

Rimango in ascolto,

grazie mille.
Francesco Serina
male
serina.francesco@gmail.com
Streetman61

io ho il permesso di soggiorno! quindi non è corretto dire che qui non c'è mai sta o nessuno con il permesso di soggiorno. Io ho il vid ha jitelsnvo, quindi il permesso di soggiorno di lunga durata che mi permette tranne il voto di avere gli stessi diritti di un cittadino russo. Coe ho fatto ad ottenerlo? senza raccomandazioni, solo mi sono sposato con una donna russa. Per il resto, come è stato + volte spiegato, non ci sono altri mezzi. Gli investimenti non servono a una beata... ne i soldi se non indirizzati alla persona giusta... ma questo è stato ampiamente spiegato .. ciao e auguri
Andrea Bruno
male
customercare@officialguide.info
Webmaster

Con le quote e per lavoro, non è possibile avere il permesso di soggiorno, L'unica rimane il matrimonio (qui sul sito è anche spiegata la procedura). Come già rammentato più volte, tale escamotage non è in regime di reciprocità, dati che per un italiano essere sposato in Russia con una russa è come avere la spada di Damocle in testa, lei in qualsiasi momento può ottenere il divorzio con una semplice raccomandata e rispedire il nostro benemerito pellegrino a casa, quindi è una situazione che si presta al ricatto per cui si tratta di un escamotage difficilmente adottabile, mentre invece la sgrillettata che si sposa un italiano e ottiene il permesso di soggiorno in Italia, nella quasi totalità delle volte in caso di divorzio lei non perde il permesso e con grande probabilità rovina il pellegrino portandogli via la casa e facendosi assegnare gli alimenti.
Oltre a questo, va ricordato che in Russia si sposano e divorziano con la facilità di come ci si cambiano le mutande. Il più delle volte lei sposa l’italiano e punta a prendere la residenza in Italia per ottenere in seguito la cittadinanza, ma se lei sposta la residenza in Italia il pellegrino non può ottenere il permesso di soggiorno in Russia per ricongiungimento familiare: Che ricongiungimento sarebbe se lei ufficialmente in Russia nemmeno ci vive? E’ però anche vero che i russi riescono a fare la residenza in Italia e nel contempo mantenerla in Russia omettendo le dovute comunicazioni.
Streetman, non startene con il sorriso fin troppo sulle labbra e non vantarti troppo, la statistica ci dice che al 95% entro 3 anni capirai cosa intendo per “permesso di soggiorno con la spada di Damocle sopra la testa”, se poi hai anche figli di mezzo saranno uccelli acidi.
Gino Pilota
male
calzo_it@yahoo.it
Dominedio

Webmaster:
Con le quote e per lavoro, non è possibile avere il permesso di soggiorno, L'unica rimane il matrimonio (qui sul sito è anche spiegata la procedura). Come già rammentato più volte, tale escamotage non è in regime di reciprocità, dati che per un italiano essere sposato in Russia con una russa è come avere la spada di Damocle in testa, lei in qualsiasi momento può ottenere il divorzio con una semplice raccomandata e rispedire il nostro benemerito pellegrino a casa, quindi è una situazione che si presta al ricatto per cui si tratta di un escamotage difficilmente adottabile, mentre invece la sgrillettata che si sposa un italiano e ottiene il permesso di soggiorno in Italia, nella quasi totalità delle volte in caso di divorzio lei non perde il permesso e con grande probabilità rovina il pellegrino portandogli via la casa e facendosi assegnare gli alimenti.
Oltre a questo, va ricordato che in Russia si sposano e divorziano con la facilità di come ci si cambiano le mutande. Il più delle volte lei sposa l’italiano e punta a prendere la residenza in Italia per ottenere in seguito la cittadinanza, ma se lei sposta la residenza in Italia il pellegrino non può ottenere il permesso di soggiorno in Russia per ricongiungimento familiare: Che ricongiungimento sarebbe se lei ufficialmente in Russia nemmeno ci vive? E’ però anche vero che i russi riescono a fare la residenza in Italia e nel contempo mantenerla in Russia omettendo le dovute comunicazioni.
Streetman, non startene con il sorriso fin troppo sulle labbra e non vantarti troppo, la statistica ci dice che al 95% entro 3 anni capirai cosa intendo per “permesso di soggiorno con la spada di Damocle sopra la testa”, se poi hai anche figli di mezzo saranno uccelli acidi.

essendo uno che ufficialmente in russia ha avuto due matrimoni, e ha evitato casini, il consiglio che do' a streetman e' : non registrarlo, se lei prova a registrarlo, fargli fare opposizione dall'avvocato per mancate pubblicazioni e vizio di volonta' afferma chiaramente che eri sposato per questione di visto russo, bloccheranno tutto, e anche a sue richieste di visto, provato 2 volte( si confesso sono stato sposato due volte, in maniera fittizia).
A 24 anni ero in russia senza soldi e senza visto, e mi sposai, ma naturalmente, presi le mie controindicazioni, denunciandomi all'ambasciata italiana a mosca, il giorno dopo il matrimonio.
Consiglio: siete in russia vi sposate: a) non registratevi b) segnalate la situazione al consolato c) risultate in italia senza proprieta'e se avete stipendio, i debiti devono coprire almeno il 50% dello stipendio.
Con il punto a gia' la bloccate per un anno, e sapendo i tempi della giustizia italiana potete tirare avanti almeno 2 o 3(consiglio avvocati esperti in questo) quindi fate gia' in tempo a divorziare in russia(sarete segnalati ma lei non entra, ve l'assicuro provato) b)il consolato blocca eventuali richieste c) se anche passasse che vi chiede se risultate nullatenenti e indebitati?
la cosa importante: allungate i tempi il piu' possibile in italia e divorzio immediato in russia.
Giovannone Giovannone
notdefinite
barabba.furlan@email.it
Giovannone1

Dominedio non capisco alcune cose, cosa significa denunciarsi il gg dopo in ambasciata? Denunciare che?
E avere debiti sopra il 50% dell stipendio? Debiti in Italia con stipendio italiano? non ha senso..
Tutto questo per mantenere il visto e divorziare subito? ma ha senso?
Gino Pilota
male
calzo_it@yahoo.it
Dominedio

Giovannone1:
Dominedio non capisco alcune cose, cosa significa denunciarsi il gg dopo in ambasciata? Denunciare che?
E avere debiti sopra il 50% dell stipendio? Debiti in Italia con stipendio italiano? non ha senso..
Tutto questo per mantenere il visto e divorziare subito? ma ha senso?

a) non possono pignorarti piu' del 50% del tuo stipendio per la legge italiana ... pertanto se e' gia' pignorato, non puo' essere pignorato
b) all'ambasciata dici che sei clandestino, e che hai fatto un matrimonio per il permesso di soggiorno, pertanto viziato da volonta' e segnali la tipa(chiami il console, linea speciale)
significa questo, nel 2004 feci cosi', e sono sopravvissuto, ero illegale.

moi andandomene divorziai.

lo scopo era rimanere senza danni collaterali
Michele Ingannamorte
male
freeworld_1988@libero.it
Mikirussian

Buonasera a tutti. Sono un nuovo iscritto al forum e avrei tanta voglia di andare a lavorare in Russia.
Sono uno studente universitario di lingue straniere, ovviamente studio russo da soli 2 anni ma nn riesco a mettere in pratica ciò che apprendo. Non mi mancano le esperienze lavorative nel settore della ristorazione, bar e discoteche. La mia voglia di imparare e conoscere nuove cose è infinita. Avrei solo bisogno di una mano a trovare un lavoro nella fantastica Mosca...please aiutatemi...scpasiba

Link correlati Occasioni di lavoro a San Pietroburgo
lavorare in ucraina o russia
lavoro stagionale a spt
Lavorare in Russia
Offerta di lavoro a Piter
x lavoro
www.adv-c.ru rientro a MOSCA
wwwadv-c.ru invia il tuo cv per ricerca lavoro
cerco lavoro a Mosca
www.adv-c.ru :convenzione ai forumisti.
lavoro in Russia
Il lavoro
Buonasera a tutti
salve a tutti mi presento : mi chiamo tony
lavoro